La ricerca espressiva di David Cronenberg

M.ButterflyNel Museo Casa Natale di Puccini a Lucca, pochi ricordano che Puccini è nato a Lucca invece tutti abbiamo in mente Torre del Lago, è in mostra insieme ad altri numerosi oggetti lo spettacolare costume, completo di calzature, disegnato da Denise Cronenberg e indossato dal personaggio di Song Liling durante l’interpretazione di M. Butterfly all’opera di Pechino. Il costume è uno dei tanti oggetti che raccontano il lavoro del regista David Cronenberg del quale l’undicesima edizione del “Lucca Film Festival”, che da quest’anno opera in unione con il “Festival Europa Cinema di Viareggio”, offre testimonianza con un articolato e ricco programma di iniziative.

Numerosi eventi animano, a partire dal 15 febbraio e fino al 3 maggio, le due città che, inoltre,  offrono interessanti mostre: tre a Lucca (Evolution, M. Butterfly, Red Cars) e una a Viareggio (Chromosomes). Fotogrammi dei film più famosi, oggetti di scena, disegni, schizzi, foto e filmati, mai visti prima in Italia, raccontano l’evoluzione artistica del regista, scrittore, disegnatore, che ha saputo indagare e mostrare con immagini sconvolgenti il terrore dell’uomo di fronte alla mutazione genetica dei corpi, all’infezione della carne, alle pulsioni distruttive della mente.

Il contenuto e le immagini dei film contrastano con il tranquillo uomo che abbiamo visto e sentito parlare pacatamente del suo lavoro creativo, della cultura e preparazione psicologica che gli permettono di affrontare con  lo stesso equilibrio gli scabrosi temi del suo lavoro e uno stile di vita e una vita familiare tranquilla, da borghese: è sposato da quarant’anni e segue con interesse, affetto e dolcezza la crescita dei suoi nipotini.M.Butterflycalzature 001

Dalle sue parole emerge che per la sua carriera è stato molto importante mettere in scena M. Butterfly. Lo spettacolo è nato, come sempre, su una conoscenza profonda del tema, in questo caso dell’opera di Puccini che fin dall’infanzia ha sentita suonare dalla mamma insegnante di musica. Ma l’aspetto che lo ha più affascinato è stato far vivere insieme in questo spettacolo, la cultura italiana, giapponese e cinese.

Nella Casa Natale di Puccini oltre al costume, particolarmente affascinante per il volume della confezione, per i colori e gli splendidi ricami, si possono ammirare tanti altri oggetti di scena, inoltre cimeli e preziosi documenti autografi di Puccini riguardanti l’opera Madama Butterfly; inevitabile il parallelo tra la tragica vicenda dell’opera lirica  e quella del protagonista del film che Cronenberg ha saputo creare con maestria, grazie anche al sapiente uso della musica di Giacomo Puccini.

Un’altra elaborazione tessile, una collana-pettorale molto colorata, di grande impatto visivo è esposta presso la Fondazione Ragghianti nella mostra Evolution. Forma, proporzioni, colori, suggestioni egiziane e azteche si mescolano per trascinarci d’improvviso nel mondo sconvolgente di David Cronenberg.

Patrizia Casini – Graziella Guidotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright © tessereAmano 2011. All Rights Reserved. Codice Fiscale 94097350485 - Design by CaliAgency